lunedì 31 dicembre 2012

Buon 2013 al respiro della Terra e dell'umanità

Buon 2013 ! -Apriamo le porte alla "coscienza planetaria": essa si sta allargando dentro la profondità della sfera bioenergetica degli esseri viventi lasciando una nuova traccia nella catena genetica dell'umanità: è la nuova potente energia  che avanza nell'inconscio collettivo. Resisterle apre solo le porte alla violenza ed alle guerre: occorre solo lasciarsi attraversare da questa onda lunga d'amore e sentire dentro di noi il respiro della Terra.

giovedì 20 dicembre 2012

Sensualità e sessualità


 La sensualità senza sessualità lascia le persone nell'eccitazione perenne; la sessualità senza la sensualità porta all'inaridimento meccanico del rapporto sessuale! C'è differenza tra la personalità che mira all'eccitazione e quella che mira all'appagamento. Paradossalmente, è la sensualità con la ricerca spasmodica dell'eccitazione, che circoscrive la sessualità ai preliminari togliendo così spazio ed energia al soddisfacimento sessuale- Ancora , un soddisfacimento sessuale senza la sensualità rende fisiologicamente meccanico il rapporto impedendo l'appagamento-
La patologia del mondo occidentale va nella direzione della eccitazione continua dei sensi, anche la pubblicità mira a questo: ma è una posizione non matura! La società dei consumi punta sull'eccitazione sensoriale, sulla dipendenza! è l'idea dell'appagamento, quindi, che non sfiora minimamente la nostra cultura!

sabato 15 dicembre 2012

Buon Natale 2012

Buon Natale a tutti i lettori ed amici che mi seguono affettuosamente. Un pensiero d'amore ai miei maestri di scuola e di vita che porto con gratitudine nel cuore: Federico Navarro - Alexander Lowen - Aldo Carotenuto.

domenica 9 dicembre 2012

Il Viaggiatore



Organizzare un viaggio è incominciare a ritrovare il proprio mondo interno, la propria immaginazione, i vissuti legati alle esperienze della nostra vita che pur sempre è unica e originale, è solo nostra. In questa
storia personale ci sono i nostri primi incerti passi, le soddisfazioni per ogni piccola o grande meta raggiunta, ma anche le delusioni, le resistenze e poi le aspettative, il coraggio, la paura dell’ignoto, l’eccitazione, la scoperta, il cambiamento. Si, il cambiamento: "tutto ciò che vive deve essere pronto ai mutamenti", diceva Goethe. Allora , come per molte cose della vita, occorre separare due momenti, però solo in maniera operativa, quello della eccitazione immediata, dell’entusiasmo dell’agire subito, da quello della preparazione effettiva del viaggio. E’ come se dovessimo dimenticarci di tutte le emozioni che ci motivano e far funzionare prevalentemente la razionalità: l’emisfero sinistro del cervello; ci vuole, un po’ di quella “intelligenza emotiva”che D. Goleman ritiene importante per la crescita matura ed armonica dei ragazzi , ancora molto trascurata oggi a favore di quella cognitiva. Freud, Jung, Goethe sono stati dei viaggiatori che hanno utilizzato il viaggio come strumento di “conoscenza evolutiva” La conoscenza evolutiva racchiude in se non solo la modifica degli schemi conoscitivi abituali e degli schemi e “pregiudizi emotivi” in cui spesso siamo ingabbiati, ma anche i momenti di grande intuizione e di scoperte improvvise che ampliano la dimensione interiore, dell’Anima, nel solco di un processo personale di evoluzione. Un buon viaggio ci cambia dentro! 

sabato 8 dicembre 2012

La dialettica dell'amore nella coppia

In Amore il "tenersi stretti" per non perdersi  fa oscillare il rapporto di coppia come un pendolo, tra il bisogno dell'altro ed il bisogno di libertà (essere con se stessi). I buoni rapporti cercano la giusta distanza tra il proprio confine e quello dell'altro  (confine psicocorporeo e sociale). Più si accorciano le distanze più si litiga per ripristinare il proprio confine ( la legge dell'equilibrio energetico dei sistemi viventi e dell'attualizzazione degli opposti). Occorre coltivare il desiderio dell'altro: rispettarlo e riconoscerne l'esistenza, altrimenti l'amore evaporerà per consunzione con sentimenti di rabbia e confusione.

Cos'è la coscienza...?

Esiste una coscienza che non è banale capire, non è il banale giudizio che diamo alle cose, non nasce dal senso di colpa e non s'iden...